Passa ai contenuti principali

Quando può essere utile il tutore al ginocchio

Il ginocchio è l'articolazione del corpo più a rischio infortuni quando si pratica attività fisica o si avanza con l'età. Questo perché racchiude una buona parte dei legamenti principali e già una distorsione non è una cosa da prendere alla leggera. Non solo, ma presenta i tessuti che compongono il comparto delle ossa. La cartilagine, invece, è un altro tessuto che spesso presenta molti problemi. Quando poi il dottore suggerisce di sottoporre il ginocchio ad un intervento chirurgico, arriva il momento che, appena terminato, è consigliabile portare un tutore

Post-intervento 

Come scrivevo pocanzi, quando si è andati incontro ad un infortunio che ha portato il ginocchio a subire un intervento chirurgico, la cosa migliore da fare è installarsi un tutore che possa aiutare nella riabilitazione. Non solo, ma anche quando essi sono fortemente instabili: una causa molto comune è quando si va incontro alla rottura del legamento crociato sia anteriore che posteriore. In quel caso il tutore bisognerà indossarlo in tutto il primo mese post-intervento. Un altro caso che prevede un'installazione del tutore è quando si procede ad un intervento di riparazione dei menischi. Infatti, subito dopo l'interventi chirurgico, la cartilagine dei menischi necessita di una lenta riabilitazione, il che significa che il ginocchio deve restare fermo, ma in estensione. Proprio per questo, il tutore dovrà essere indossato per i primi quindici giorni dall'intervento.

Instabilità dei legamenti 

L'instabilità cronica dei legamenti è quando, per qualsiasi motivo, si ritorna ad avere un problema ai legamenti stessi del ginocchio. Alcune persone presentano dei legamenti deboli e, dopo un infortunio anche se sono stati ricostruiti, potrebbero sempre ritornare delle ricadute. Infatti, anche in questo caso, è consigliabile usare un tutore. Solitamente le persone che hanno voglia di praticare attività sportive come il tennis o gli scii, è preferibile installarlo. L'instabilità dei legamenti capita perlopiù in età avanzata, quando tanto tempo prima ci si è infortunati al ginocchio, i legamenti si sono indeboliti e non sono stati mai più ricostruiti. Per questo il tutore è un'ottima soluzione. Ginocchio varo Questa condizione è percepibile quando esiste una variazione dell'esterno da parte del ginocchio con un asse della gamba (sinistra o destra) rispetto a quella che è la tibia deviata, formando una classica "gamba ad O".  

In questo caso, il tutore è fondamentale perché evita di fare in modo che la deviazione del ginocchio si sovraccarichi verso l'esterno piuttosto che verso l'interno. Ginocchio valgo È la condizione opposta rispetto a quella del ginocchio varo. Ci sarà un sovraccarico nella parte interna e, senza l'aiuto di un tutore, la zona interessata verrà in breve tempo usurata dall'estremo sforzo fisico. Ci sarà una forma delle gambe ad X. Questi sopra citati, sono tutti i casi per cui è necessario indossare un tutore. Questi ultimi variano nel prezzo, ed esistono numerosi negozi specializzati.


Post popolari in questo blog

Lowryder, la storia della più famosa varietà di cannabis autofiorente

  Da diversi anni a questa parte, l’interesse nei confronti della cannabis è aumentato notevolmente. Ogni giorno tantissime persone scelgono di iniziare a coltivarla per hobby. Quando ci si avvicina a questo mondo, è necessario ricordare l’esistenza di diverse tipologie di sementi. Tra i semi di cannabis più famosi e apprezzati troviamo gli autofiorenti. La loro caratteristica principale risiede nel non essere fotoperiodici. Ciò vuol dire che crescono sulla base non della luce, ma dell’età delle piante. Queste ultime, generalmente, raggiungono altezze non eccessive, il che è vantaggioso soprattutto quando si ha a che fare con spazi piccoli e si ha voglia di mantenere la massima discrezione. La storia dei semi autofiorenti è iniziata negli anni ‘70 e ha visto il culmine all’inizio del terzo millennio. Raccontarla vuol dire chiamare in causa una varietà su tutte: la Lowryder. Seguici nelle prossime righe per scoprire tutte le informazioni che la riguardano! Quando è nata e

Come fare un unicorno origami

Purtroppo, non esiste un modello di origami specifico per riprodurre l'unicorno di "Blade Runner", poiché l'origami è un'arte che si basa su schemi e design preesistenti o creati da artisti. Tuttavia, puoi cercare di creare un modello di unicorno in stile "Blade Runner" utilizzando un design di origami base e personalizzandolo secondo il tuo gusto.  Ecco una guida generale su come creare un unicorno di origami: Materiali necessari: Una quadrato di carta, preferibilmente di colore bianco o nero Matita (facoltativa) Penna o pennarello per i dettagli (facoltativo) Passi: Preparazione: Inizia con un quadrato di carta. Se hai una carta rettangolare, piegala in modo da ottenere un quadrato tagliando o piegando l'eccesso di carta. Base: Piega il quadrato di carta a metà lungo la diagonale per ottenere un triangolo. Apri il triangolo e piega la carta a metà lungo l'altra diagonale per ottenere un altro triangolo. Apri il secondo triangolo e piega la cart

Come arredare casa risparmiando

Quando arriva il momento di arredare casa , a prescindere che lo si faccia da zero o che si proceda a seguito di una ristrutturazione, sono diversi gli aspetti ai quali fare attenzione. Uno dei più importanti riguarda il risparmio. Al giorno d’oggi, in un momento all’insegna della crisi economica, è essenziale tenere conto del portafoglio. Se vuoi sapere come non farlo soffrire e, nel contempo, esaltare al massimo l’estetica della tua abitazione, prosegui nella lettura di questo articolo. I bonus fiscali Chiunque si trovi davanti alla necessità d i arredare casa non può non informarsi sui bonus fiscali in vigore, che permettono di detrarre dal reddito imponibile, nell’arco di dieci anni, una determinata percentuale di spesa. Per quest’anno, è possibile richiedere il beneficio fiscale per mobili e grandi elettrodomestici acquistati per immobili oggetto di lavori di ristrutturazione. La detrazione va calcolata, per l’anno in corso, su un ammontare massimo di 8000 euro (il

Ricambi Pit Bike

 Le pit bike, con il loro stile unico e la versatilità nel fuoristrada e nelle competizioni, stanno guadagnando sempre più popolarità tra gli appassionati di moto. Tuttavia, come qualsiasi veicolo, richiedono una manutenzione adeguata per mantenere alte prestazioni e garantire la sicurezza del pilota. Esploreremo l'importanza dei ricambi pit bike e daremo preziosi consigli su come selezionare i migliori componenti per la propria moto. Preparati a esplorare il mondo dei ricambi per pit bike e a rendere la tua esperienza di guida ancora più emozionante e sicura. Importanza dei ricambi di qualità per le pit bike Quando si tratta di pit bike, la qualità dei ricambi utilizzati riveste un ruolo fondamentale: sono motociclette robuste e potenti progettate per affrontare terreni accidentati e situazioni impegnative. E’ quindi essenziale garantire che i ricambi utilizzati siano affidabili e di alta qualità. Ecco perché l'importanza dei ricambi di qualità per le pit bike non può es