Passa ai contenuti principali

Quali sono i migliori corsi di microblading a Milano?


Il microblading è una tecnica tatoo che consente di disegnare ciglia perfettamente ispirate all'aspetto di quelle naturali, ovvero scolpite e definite. Si ispira al trucco semi-permanente e per imparare ad eseguirla è necessario seguire corsi di qualità.

Di seguito andremo a vedere le differenze con il trucco semi-permanente. Faremo chiarezza inoltre circa i migliori corsi di microblading a Milano.

Differenza tra trucco semi-permanente e microblading

Il trucco semi-permanente risulta essere molto simile ad un tatuaggio, ecco quindi che il rischio potrebbe essere quello d'incorrere in un risultato meno definito rispetto a quello ottenuto con il microblading.

Il tatuaggio classico infatti tende spesso a stingere, fino a creare delle macchie di colore. Evento assolutamente da evitare, specialmente se si opera in una parte del corpo esposta e delicata come il viso.

Con il microblading si usano aghi molto sottili imbevuti in pigmento colorato. La loro dimensione permette la realizzazione di un tratto di colore finissimo, totalmente similare ad un pelo vero. Bando quindi a risultati grossolani e volgari.

I migliori corsi di microblading a Milano

Tra le scuole/accademie più quotate nella città di Milano per quanto riguarda corsi di microblading troviamo Swiss Color, Accademia Italiana PMU, Professione Accademia, OxyNail e la rinomata scuola di Jurgita Jasiunaite.

Contenuto dei corsi:

Ogni scuola/insegnante ha ovviamente una propria tabella di marcia da far seguire ai propri allievi.
Parliamo quindi di aspetti variabili come: totale ore, dispense da usare, numero massimo di alunni presenti in sala, presenza di start-kit e numero d'incontri. Tutti i corsi in linea generale presentano un esame finale con attestato di riconoscimento (a seguito di risultati soddisfacenti).

Per quanto riguarda il contenuto dei corsi, tutti vanno a toccare punti salienti dell'argomento.

Questa tecnica ha il fine di delineare l'occhio e dare intensità allo sguardo. Ecco quindi che sarà essenziale fornire nozioni circa la migliore forma da disegnare in base al viso trattato che può essere squadrato, a triangolo ribaltato, rotondo, etc...

I cenni anatomici saranno tra i primi ad essere forniti all'allievo. Un buon dipinto parte sempre da un'attenta valutazione della tavola di lavoro.

Verranno dati consigli circa la gestione del trattamento in piena autonomia, insegnando come devono essere utilizzati i prodotti, come vanno puliti, conservati e come operare se non si ha un'aiutante o uno staff di supporto.

A volte avere a portata di mano tutto l'occorrente può risultare difficile, specialmente se si opera in piccoli spazi. Ecco quindi che verrà insegnato anche come disporre il proprio campo di lavoro.

Si parlerà di salute e conformazione della pelle, in maniera tale da imparare quali sono le sezioni del nostro derma e capire fino a dove il colore deve prenotare. Non solo, verrà insegnato anche a valutare il tipo di pelle, individuando una pelle da trattate ed una invece da evitare.

Verranno spiegate con precisione le funzioni dei vari attrezzi, alle quali ovviamente sono strettamente collegate le norme di pulizia e igiene. Non meno importanti sono le regole da seguire per la sicurezza del cliente e personale, evitando ferite ma anche infezioni ed altre problematiche collegate al trattamento.

Verranno dati consigli anche circa la correzione di sopracciglia sbagliate, a causa propria o di altri colleghi.
Il tutto unito a nozioni di visagismo.

Verrà dedicato del tempo anche alle esercitazioni su carta o su materiale sintetico. In maniera tale da passare ufficialmente dalla teoria alla tanto bramata pratica.

Verrà insegnato come gestire la percezione del dolore. Ogni cliente avrà infatti la propria soglia massima.
In alcuni casi è possibile utilizzare creme anestetizzanti, ma anche per questo prodotto dovranno essere valutare eventuali problematiche di allergia agli ingredienti.

Il numero di persone partecipanti al corso (e quindi presenti in aula) cambiano a secondo dei casi. Solitamente non superano le 15 persone.


Come scegliere un corso di microblading


Quello che sentiamo di dire in primo luogo è che un corso deve essere scelto soprattutto in base al professionista che lo offre. Sarà essenziale quindi valutare il suo curriculum, lo storico lavorativo ed il portfolio dei suoi lavori.

Inoltre non fatevi prendere dalla fretta. Ponderate bene le offerte, confrontate il rapporto qualità/prezzo di ognuno dei corsi, ovviamente dando precedenza a quelli che hanno colpito il vostro interesse.
Soprattutto... Non giocate al ribasso! Oltre a parlare di estetica, stiamo parlando anche di salute, mai prendere l'argomento sotto gamba.

A questo punto non rimane che correre a curiosare sulle varie proposte e valutare l'offerta più adatta alle proprie esigenze!

Post popolari in questo blog

Lowryder, la storia della più famosa varietà di cannabis autofiorente

  Da diversi anni a questa parte, l’interesse nei confronti della cannabis è aumentato notevolmente. Ogni giorno tantissime persone scelgono di iniziare a coltivarla per hobby. Quando ci si avvicina a questo mondo, è necessario ricordare l’esistenza di diverse tipologie di sementi. Tra i semi di cannabis più famosi e apprezzati troviamo gli autofiorenti. La loro caratteristica principale risiede nel non essere fotoperiodici. Ciò vuol dire che crescono sulla base non della luce, ma dell’età delle piante. Queste ultime, generalmente, raggiungono altezze non eccessive, il che è vantaggioso soprattutto quando si ha a che fare con spazi piccoli e si ha voglia di mantenere la massima discrezione. La storia dei semi autofiorenti è iniziata negli anni ‘70 e ha visto il culmine all’inizio del terzo millennio. Raccontarla vuol dire chiamare in causa una varietà su tutte: la Lowryder. Seguici nelle prossime righe per scoprire tutte le informazioni che la riguardano! Quando è nata e

Come fare un unicorno origami

Purtroppo, non esiste un modello di origami specifico per riprodurre l'unicorno di "Blade Runner", poiché l'origami è un'arte che si basa su schemi e design preesistenti o creati da artisti. Tuttavia, puoi cercare di creare un modello di unicorno in stile "Blade Runner" utilizzando un design di origami base e personalizzandolo secondo il tuo gusto.  Ecco una guida generale su come creare un unicorno di origami: Materiali necessari: Una quadrato di carta, preferibilmente di colore bianco o nero Matita (facoltativa) Penna o pennarello per i dettagli (facoltativo) Passi: Preparazione: Inizia con un quadrato di carta. Se hai una carta rettangolare, piegala in modo da ottenere un quadrato tagliando o piegando l'eccesso di carta. Base: Piega il quadrato di carta a metà lungo la diagonale per ottenere un triangolo. Apri il triangolo e piega la carta a metà lungo l'altra diagonale per ottenere un altro triangolo. Apri il secondo triangolo e piega la cart

Ricambi Pit Bike

 Le pit bike, con il loro stile unico e la versatilità nel fuoristrada e nelle competizioni, stanno guadagnando sempre più popolarità tra gli appassionati di moto. Tuttavia, come qualsiasi veicolo, richiedono una manutenzione adeguata per mantenere alte prestazioni e garantire la sicurezza del pilota. Esploreremo l'importanza dei ricambi pit bike e daremo preziosi consigli su come selezionare i migliori componenti per la propria moto. Preparati a esplorare il mondo dei ricambi per pit bike e a rendere la tua esperienza di guida ancora più emozionante e sicura. Importanza dei ricambi di qualità per le pit bike Quando si tratta di pit bike, la qualità dei ricambi utilizzati riveste un ruolo fondamentale: sono motociclette robuste e potenti progettate per affrontare terreni accidentati e situazioni impegnative. E’ quindi essenziale garantire che i ricambi utilizzati siano affidabili e di alta qualità. Ecco perché l'importanza dei ricambi di qualità per le pit bike non può es

Come arredare casa risparmiando

Quando arriva il momento di arredare casa , a prescindere che lo si faccia da zero o che si proceda a seguito di una ristrutturazione, sono diversi gli aspetti ai quali fare attenzione. Uno dei più importanti riguarda il risparmio. Al giorno d’oggi, in un momento all’insegna della crisi economica, è essenziale tenere conto del portafoglio. Se vuoi sapere come non farlo soffrire e, nel contempo, esaltare al massimo l’estetica della tua abitazione, prosegui nella lettura di questo articolo. I bonus fiscali Chiunque si trovi davanti alla necessità d i arredare casa non può non informarsi sui bonus fiscali in vigore, che permettono di detrarre dal reddito imponibile, nell’arco di dieci anni, una determinata percentuale di spesa. Per quest’anno, è possibile richiedere il beneficio fiscale per mobili e grandi elettrodomestici acquistati per immobili oggetto di lavori di ristrutturazione. La detrazione va calcolata, per l’anno in corso, su un ammontare massimo di 8000 euro (il