Passa ai contenuti principali

Quali sono i migliori corsi di microblading a Milano?


Il microblading è una tecnica tatoo che consente di disegnare ciglia perfettamente ispirate all'aspetto di quelle naturali, ovvero scolpite e definite. Si ispira al trucco semi-permanente e per imparare ad eseguirla è necessario seguire corsi di qualità.

Di seguito andremo a vedere le differenze con il trucco semi-permanente. Faremo chiarezza inoltre circa i migliori corsi di microblading a Milano.

Differenza tra trucco semi-permanente e microblading

Il trucco semi-permanente risulta essere molto simile ad un tatuaggio, ecco quindi che il rischio potrebbe essere quello d'incorrere in un risultato meno definito rispetto a quello ottenuto con il microblading.

Il tatuaggio classico infatti tende spesso a stingere, fino a creare delle macchie di colore. Evento assolutamente da evitare, specialmente se si opera in una parte del corpo esposta e delicata come il viso.

Con il microblading si usano aghi molto sottili imbevuti in pigmento colorato. La loro dimensione permette la realizzazione di un tratto di colore finissimo, totalmente similare ad un pelo vero. Bando quindi a risultati grossolani e volgari.

I migliori corsi di microblading a Milano

Tra le scuole/accademie più quotate nella città di Milano per quanto riguarda corsi di microblading troviamo Swiss Color, Accademia Italiana PMU, Professione Accademia, OxyNail e la rinomata scuola di Jurgita Jasiunaite.

Contenuto dei corsi:

Ogni scuola/insegnante ha ovviamente una propria tabella di marcia da far seguire ai propri allievi.
Parliamo quindi di aspetti variabili come: totale ore, dispense da usare, numero massimo di alunni presenti in sala, presenza di start-kit e numero d'incontri. Tutti i corsi in linea generale presentano un esame finale con attestato di riconoscimento (a seguito di risultati soddisfacenti).

Per quanto riguarda il contenuto dei corsi, tutti vanno a toccare punti salienti dell'argomento.

Questa tecnica ha il fine di delineare l'occhio e dare intensità allo sguardo. Ecco quindi che sarà essenziale fornire nozioni circa la migliore forma da disegnare in base al viso trattato che può essere squadrato, a triangolo ribaltato, rotondo, etc...

I cenni anatomici saranno tra i primi ad essere forniti all'allievo. Un buon dipinto parte sempre da un'attenta valutazione della tavola di lavoro.

Verranno dati consigli circa la gestione del trattamento in piena autonomia, insegnando come devono essere utilizzati i prodotti, come vanno puliti, conservati e come operare se non si ha un'aiutante o uno staff di supporto.

A volte avere a portata di mano tutto l'occorrente può risultare difficile, specialmente se si opera in piccoli spazi. Ecco quindi che verrà insegnato anche come disporre il proprio campo di lavoro.

Si parlerà di salute e conformazione della pelle, in maniera tale da imparare quali sono le sezioni del nostro derma e capire fino a dove il colore deve prenotare. Non solo, verrà insegnato anche a valutare il tipo di pelle, individuando una pelle da trattate ed una invece da evitare.

Verranno spiegate con precisione le funzioni dei vari attrezzi, alle quali ovviamente sono strettamente collegate le norme di pulizia e igiene. Non meno importanti sono le regole da seguire per la sicurezza del cliente e personale, evitando ferite ma anche infezioni ed altre problematiche collegate al trattamento.

Verranno dati consigli anche circa la correzione di sopracciglia sbagliate, a causa propria o di altri colleghi.
Il tutto unito a nozioni di visagismo.

Verrà dedicato del tempo anche alle esercitazioni su carta o su materiale sintetico. In maniera tale da passare ufficialmente dalla teoria alla tanto bramata pratica.

Verrà insegnato come gestire la percezione del dolore. Ogni cliente avrà infatti la propria soglia massima.
In alcuni casi è possibile utilizzare creme anestetizzanti, ma anche per questo prodotto dovranno essere valutare eventuali problematiche di allergia agli ingredienti.

Il numero di persone partecipanti al corso (e quindi presenti in aula) cambiano a secondo dei casi. Solitamente non superano le 15 persone.


Come scegliere un corso di microblading


Quello che sentiamo di dire in primo luogo è che un corso deve essere scelto soprattutto in base al professionista che lo offre. Sarà essenziale quindi valutare il suo curriculum, lo storico lavorativo ed il portfolio dei suoi lavori.

Inoltre non fatevi prendere dalla fretta. Ponderate bene le offerte, confrontate il rapporto qualità/prezzo di ognuno dei corsi, ovviamente dando precedenza a quelli che hanno colpito il vostro interesse.
Soprattutto... Non giocate al ribasso! Oltre a parlare di estetica, stiamo parlando anche di salute, mai prendere l'argomento sotto gamba.

A questo punto non rimane che correre a curiosare sulle varie proposte e valutare l'offerta più adatta alle proprie esigenze!

Post popolari in questo blog

Huli jing: curiosità sullo spirito delle volpi nella cultura cinese

  Che siate pratici o meno della cultura asiatica, saprete che classicamente attribuiscono un forte valore mitologico e in alcuni casi religioso a spiriti di vario genere, molti dei quali hanno fattezze animali. Tra gli spiriti più famosi della cultura giapponese, divenuta popolare anche in occidente grazie a manga e anime, troviamo senza dubbio le Kitsune, spiriti di norma femminili dalle fattezze che ricordano le volpi. Ma la cultura giapponese non è l'unica che accenna a spiriti di questo genere: troviamo infatti un corrispettivo chiamato kumiho nella cultura coreana ed un parente estremamente simile chiamato huli jing o jiuweihu nella cultura cinese. La volpe a nove code La creatura mitologica che oggi conosciamo principalmente con il nome di Kitsune ha con tutta probabilità origine dalla cultura cinese, piuttosto che da quella giapponese, con il nome di huli jing. In particolare è nota la jiuweihu, la volpe a nove code, della quale si hanno testimonianze già nell'antichi

L'importanza del DPI per contrastare la diffusione del virus

La diffusione del virus ha creato un certo scompenso nella vita dei cittadini, un disagio che non sempre viene affrontato nel modo giusto. Il lockdown, infatti, ha esercitato vari effetti sulla popolazione, sia dal punto di vista sanitario che economico. Lavoratori fermi a casa, in smart working, e ospedali e reparti pieni sono i risvolti più positivi di questa situazione. Purtroppo, c'è chi il lavoro lo ha perso e in alcuni casi, ha perso molto di più. Alcune semplici regole dettate dal Ministero della Salute hanno, però, ci consentono di contribuire nel nostro piccolo a ridurre i contagi, e aiutare il personale specializzato a gestire l'emergenza. Oggi, un nuovo oggetto è entrato a far parte della nostra quotidianità, che dobbiamo avere sempre e obbligatoriamente: la mascherina, ovvero un DPI – dispositivo di protezione individuale – per contribuire a ridurre la diffusione del Covid-19. Perchè è importante contrastare il Coronavirus? Video e immagini, documenti e testimon

Il pendolo chimico di Briggs-Rauscher

 Dal giallo al blu scuro in pochissimi istanti. Guardare per credere!  

Edward Norton e Brad Pitt, oggi