Passa ai contenuti principali

Carbonara a Roma: qualche consiglio


Carbonara: un piatto mondiale


È sufficiente avere del guanciale, 4 uova, del pecorino romano e del pepe nero per preparare un primo piatto di pasta conosciuto (ed apprezzato) in tutto il mondo.

Eppure, data la scarsità di ingredienti, si potrebbe supporre che la carbonara sia un piatto facile da realizzare ma non lasciatevi ingannare perché così non è.

Quando si parla di spaghetti alla carbonara non si può non riferirsi alla città di Roma dove questo primo, assieme agli spaghetti cacio pepe, si rivela essere uno dei caposaldo della gastronomia romanesca.

La storia di questo piatto ha origini incerte seppur antiche, dal momento che una versione quasi simile apparve nelle cucine di Napoli alla fine del Settecento. Le varie modifiche e varianti non si contano anche se qualcuno afferma che la carbonara nacque addirittura negli Stati Uniti nel 1951 e che la versione ufficiale (ma non identica a quella odierna) viene pubblicata qualche anno più tardi ne "La cucina Italiana".

Ma tant'è che ognuno dice la sua a tal proposito.

Le origini e la preparazione

L’ipotesi più probabile è quella che vede la carbonara essere un arricchimento della famosa cacio; pepe di popolana memoria, essendo effettivamente la stessa aggiunta delle uova.

La vera carbonara vede la presenza di quasi due etti e mezzo di guanciale (non di pancetta!), un uovo intero e di tre tuorli, due etti di Pecorino Romano e pepe nero macinato al momento.

La preparazione è quella di realizzare un dadolato di guanciale che va messo a fuoco vivo su di una padella già calda. Quando il guanciale si sarà rosolato e croccante, abbassate il fuoco fino a cottura ultimata per poi toglierlo dal fuoco. Grattugiate il Pecorino Romano e mettetelo da parte. In una ciotola mettete le uova e sbattetele forte e, una volta terminata questa operazione, aggiungete un poco di formaggio e di pepe.

Quando gli spaghetti (rigorosamente al dente) sono pronti scolateli direttamente nella ciotola dove ci sono le uova e mescolateli per farli amalgamare aggiungendo, uno o due mestoli dell’acqua di cottura della pasta per creare una sorta di cremina.

A quel punto versate sopra il guanciale e il formaggio grattugiato cercando di mescolare il tutto con il solo movimento rotatorio della ciotola al fine di emulsionare la cremina.

Una volta messa la porzione di spaghetti sul singolo piatto, provvedete a spolverare con altro Pecorino e con una macinata di pepe prima di servire in tavola.

Dove mangiare la Carbonara a Roma


Sul sito romabbella.com è possibile trovare tanti spunti per mangiare veramente romano ma per degustare una vera pasta alla Carbonara, quali sono i ristoranti suggeriti?

Tra gli innumerevoli luoghi vogliamo segnalare i seguenti:

·         Roscioli – 21, via de’ Giubbonari
In una traversa del centralissimo Campo de’ Fiori, la salumeria con cucina Roscioli propone una carbonara di tutto rispetto preparata con ingredienti di altissima qualità. Per molti è veramente il posto dove degustare la miglior versione di questo primo romano


·         L’Avvolgibile – 56, Circonvallazione Appia
Il ristorante, seppur di recente istituzione, prepara una carbonara stellata che merita di essere mangiata per il suo sapore


·         Da Flavio al Velavevodetto – 97, Via di Monte Testaccio  e Piazza dei Quiriti
Due locali stesso proprietario che prepara una carbonara veramente cremosa e ricca di aromi tutta da assaggiare. L’unico problema è quello di trovare un tavolo libero


·         L’Arcangelo – 59, via G. G. Belli
In pieno quartiere Prati a due passi da Piazza Cavour, qui la carbonara viene servita cuocendo non spaghetti ma grandi penne cotte al dentissimo.


·         Al Coccio – 34, via dei Meli
Ci si sposta al quartiere Alessandrino, in una trattoria bujaccara per divorare un piatto più che abbondante di una carbonara degna della Roma del tempo che fu.

Post popolari in questo blog

Lowryder, la storia della più famosa varietà di cannabis autofiorente

  Da diversi anni a questa parte, l’interesse nei confronti della cannabis è aumentato notevolmente. Ogni giorno tantissime persone scelgono di iniziare a coltivarla per hobby. Quando ci si avvicina a questo mondo, è necessario ricordare l’esistenza di diverse tipologie di sementi. Tra i semi di cannabis più famosi e apprezzati troviamo gli autofiorenti. La loro caratteristica principale risiede nel non essere fotoperiodici. Ciò vuol dire che crescono sulla base non della luce, ma dell’età delle piante. Queste ultime, generalmente, raggiungono altezze non eccessive, il che è vantaggioso soprattutto quando si ha a che fare con spazi piccoli e si ha voglia di mantenere la massima discrezione. La storia dei semi autofiorenti è iniziata negli anni ‘70 e ha visto il culmine all’inizio del terzo millennio. Raccontarla vuol dire chiamare in causa una varietà su tutte: la Lowryder. Seguici nelle prossime righe per scoprire tutte le informazioni che la riguardano! Quando è nata e

Come fare un unicorno origami

Purtroppo, non esiste un modello di origami specifico per riprodurre l'unicorno di "Blade Runner", poiché l'origami è un'arte che si basa su schemi e design preesistenti o creati da artisti. Tuttavia, puoi cercare di creare un modello di unicorno in stile "Blade Runner" utilizzando un design di origami base e personalizzandolo secondo il tuo gusto.  Ecco una guida generale su come creare un unicorno di origami: Materiali necessari: Una quadrato di carta, preferibilmente di colore bianco o nero Matita (facoltativa) Penna o pennarello per i dettagli (facoltativo) Passi: Preparazione: Inizia con un quadrato di carta. Se hai una carta rettangolare, piegala in modo da ottenere un quadrato tagliando o piegando l'eccesso di carta. Base: Piega il quadrato di carta a metà lungo la diagonale per ottenere un triangolo. Apri il triangolo e piega la carta a metà lungo l'altra diagonale per ottenere un altro triangolo. Apri il secondo triangolo e piega la cart

Come arredare casa risparmiando

Quando arriva il momento di arredare casa , a prescindere che lo si faccia da zero o che si proceda a seguito di una ristrutturazione, sono diversi gli aspetti ai quali fare attenzione. Uno dei più importanti riguarda il risparmio. Al giorno d’oggi, in un momento all’insegna della crisi economica, è essenziale tenere conto del portafoglio. Se vuoi sapere come non farlo soffrire e, nel contempo, esaltare al massimo l’estetica della tua abitazione, prosegui nella lettura di questo articolo. I bonus fiscali Chiunque si trovi davanti alla necessità d i arredare casa non può non informarsi sui bonus fiscali in vigore, che permettono di detrarre dal reddito imponibile, nell’arco di dieci anni, una determinata percentuale di spesa. Per quest’anno, è possibile richiedere il beneficio fiscale per mobili e grandi elettrodomestici acquistati per immobili oggetto di lavori di ristrutturazione. La detrazione va calcolata, per l’anno in corso, su un ammontare massimo di 8000 euro (il

Ricambi Pit Bike

 Le pit bike, con il loro stile unico e la versatilità nel fuoristrada e nelle competizioni, stanno guadagnando sempre più popolarità tra gli appassionati di moto. Tuttavia, come qualsiasi veicolo, richiedono una manutenzione adeguata per mantenere alte prestazioni e garantire la sicurezza del pilota. Esploreremo l'importanza dei ricambi pit bike e daremo preziosi consigli su come selezionare i migliori componenti per la propria moto. Preparati a esplorare il mondo dei ricambi per pit bike e a rendere la tua esperienza di guida ancora più emozionante e sicura. Importanza dei ricambi di qualità per le pit bike Quando si tratta di pit bike, la qualità dei ricambi utilizzati riveste un ruolo fondamentale: sono motociclette robuste e potenti progettate per affrontare terreni accidentati e situazioni impegnative. E’ quindi essenziale garantire che i ricambi utilizzati siano affidabili e di alta qualità. Ecco perché l'importanza dei ricambi di qualità per le pit bike non può es