Passa ai contenuti principali

Ci sono oltre 3 milioni di acquari nelle case degli italiani


 

Uno dei ricordi più vividi della mia infanzia, a ripensarci oggi, è un oggetto che ancora oggi fa parte dell'arredo degli appartamenti di moltissimi italiani: sto parlando dell'acquario, una vasca gigante piena di misteriosi, per me, tubicini e piccole luci, ovviamente condizionato dai dettami stilistici dei primi anni 80. 

All'interno degli acquari, al di là del classico pesce rosso, potevano trovare spazio anche altri, dai colori e dalle forme più fantasiose. Ripensandoci oggi, più che il citatissimo Nemo - il pesce rosso della Pixar - mi viene in mente Klaus Heisler, il pesce rosso della famiglia Smith della serie TV American Dad!, protagonista di numerose gag con altrettante allusioni al suo vissuto in Germania. 

Non credo che sia troppo comune, peraltro, tenere un pesce o un altro animale acquatico all'interno della classica boccia di vetro: gli acquari moderni sono molto più attrezzati, ad esempio con sistemi di auto-pulitura della vasca - e su di essi esiste un fiorente mercato. Un mercato che prospera anche (forse soprattutto, dato il periodo) sui vari siti web specializzati: la scelta della vasca rientra nelle più importanti valutazioni che si possono effettuare prima dell'acquisto, a seconda che siano per pesci, per tartarughe o per entrambi (in questo articolo puoi saperne di più in merito).

 Quanti acquari sono presenti in Italia?

Non credevo che ci fosse una statistica ufficiale in merito, ma i numeri in tal senso sembrano impressionanti: nelle case degli italiani sono molto comuni gli acquari, tanto da essere presenti in misura pari ad almeno 3 milioni di vasche (dato del 2018). E considerando una media di 10 pesci a vasca, abbiamo la bellezza di 30 milioni di pesci che nuota all'interno dei nostri appartamenti. Un mercato che non conosce freni e che vive di un fatturato piuttosto costante, il quale rientra ancora oggi negli interessi dei consumatori anche perchè, da qualche tempo, rimanere più spesso a casa è diventata una necessità per chiunque. 

 L'acquario - per via dell'effetto elegante e rilassante che induce - potrebbe considerarsi un elemento per esprimere non solo il nostro amore per gli animali, ma anche per migliorare il nostro home living.

Post popolari in questo blog

Lowryder, la storia della più famosa varietà di cannabis autofiorente

  Da diversi anni a questa parte, l’interesse nei confronti della cannabis è aumentato notevolmente. Ogni giorno tantissime persone scelgono di iniziare a coltivarla per hobby. Quando ci si avvicina a questo mondo, è necessario ricordare l’esistenza di diverse tipologie di sementi. Tra i semi di cannabis più famosi e apprezzati troviamo gli autofiorenti. La loro caratteristica principale risiede nel non essere fotoperiodici. Ciò vuol dire che crescono sulla base non della luce, ma dell’età delle piante. Queste ultime, generalmente, raggiungono altezze non eccessive, il che è vantaggioso soprattutto quando si ha a che fare con spazi piccoli e si ha voglia di mantenere la massima discrezione. La storia dei semi autofiorenti è iniziata negli anni ‘70 e ha visto il culmine all’inizio del terzo millennio. Raccontarla vuol dire chiamare in causa una varietà su tutte: la Lowryder. Seguici nelle prossime righe per scoprire tutte le informazioni che la riguardano! Quando è nata e

Come arredare casa risparmiando

Quando arriva il momento di arredare casa , a prescindere che lo si faccia da zero o che si proceda a seguito di una ristrutturazione, sono diversi gli aspetti ai quali fare attenzione. Uno dei più importanti riguarda il risparmio. Al giorno d’oggi, in un momento all’insegna della crisi economica, è essenziale tenere conto del portafoglio. Se vuoi sapere come non farlo soffrire e, nel contempo, esaltare al massimo l’estetica della tua abitazione, prosegui nella lettura di questo articolo. I bonus fiscali Chiunque si trovi davanti alla necessità d i arredare casa non può non informarsi sui bonus fiscali in vigore, che permettono di detrarre dal reddito imponibile, nell’arco di dieci anni, una determinata percentuale di spesa. Per quest’anno, è possibile richiedere il beneficio fiscale per mobili e grandi elettrodomestici acquistati per immobili oggetto di lavori di ristrutturazione. La detrazione va calcolata, per l’anno in corso, su un ammontare massimo di 8000 euro (il

Olio di CBD: cos’è, come si usa, benefici, effetti collaterali

  L’ olio di CBD è un prodotto che, negli ultimi anni, è stato interessato da una vera e propria esplosione delle vendite. Soprattutto dal 2020 ad oggi, quando la pandemia ha messo tutti davanti alla necessità di affrontare un livello di malessere mai visto prima e di trovare nuovi metodi, possibilmente naturali, per rilassarsi, la sua popolarità è salita alle stelle. Aziende come Maria CBD Oil hanno visto i loro fatturati impennare. La possibilità di procedere agli acquisti online ha reso tutto ancora più interessante: prima le restrizioni sociali e poi la comodità, hanno spinto tantissime persone a prendere letteralmente d’assalto gli e-shop che vendono olio di cannabidiolo. Di cosa si tratta? Quali sono i benefici e gli effetti collaterali di questo prodotto? Come si usa? Nelle prossime righe, vediamo assieme le risposte a queste domande. Cos’è l’olio di CBD? L’ olio di CBD è un prodotto naturale che vede il cannabidiolo , il fitocannabinoide più famoso dopo il THC, di

Come sfruttare i social media per promuovere il tuo centro estetico?

Negli ultimi anni, i social media si sono affermati come uno strumento fondamentale per la promozione delle attività commerciali, in particolare per quelle a carattere locale come i centri estetici. Utilizzare i social media per promuovere il tuo centro estetico ti permette di raggiungere un pubblico più vasto e di aumentare la visibilità della tua attività. Ecco alcuni consigli pratici su come sfruttare al meglio i social media per promuovere il tuo centro estetico. Identifica il tuo pubblico di riferimento Prima di iniziare a utilizzare i social media per promuovere il tuo centro estetico, è importante identificare il tuo pubblico di riferimento. Chi sono i tuoi clienti ideali? Quali sono le loro caratteristiche demografiche e i loro interessi? Identificare il tuo pubblico ti permette di creare contenuti più mirati e di raggiungere persone che sono più propense ad essere interessate ai tuoi servizi. Scegli i canali giusti Non tutti i social network sono uguali, e non tutti