Passa ai contenuti principali

Scommettiamo che finisce tutto

Con la tentata introduzione della SuperLega ed il suo (sembra definitivo, a questo punto) collasso ed abbandono, si è segnata una svolta epocale nella gestione delle grandi società di calcio: società che, di fatto, sono sempre più multinazionali in cerca di nuovi tifosi-fan e di introiti sempre più sostanziali. Se la SuperLeague è sembrata a molti una rivoluzione in positivi, sono stati molti altri che se ne sono pubblicamente lamentati: e a quel punto sembrava davvero che le cose stessero per cambiare. 12 club ribelli, certo: che poi sono diventati 11, 10, 8 e solo 6, con l'Inter ed il Milan che solo stamattina decidevano di rinunciare. E la Juve che, di suo, crede ancora nella bontà del progetto ma non può certo farla da solo. E allora, scommettiamo che finisce tutto, questa volta? Del resto la "sporca dozzina" di cui si è parlato più o meno a sproposito, minacciandola addirittura di toglierla di mezzo dai campionati (cosa tutta da vedere nei fatti, perchè significava far fuori dalle massime serie forse il 90% dei tifosi mondiali) e chiudendo alla possibilità di un dialogo, da parte di un'entità misteriosa e poco propensa a parlare che pero', quando lo fa, arriva anche a manipolare gli intenti altrui. Certo, si faceva per i soldi, e allora? Non si era detto che erano in passivo e le si criticavano per questo? Far entrare nuovi soldi avrebbe fatto comodo a tutte, e forse avrebbe ridato vita al settore in generale, o forse no: difficile dirlo, se nemmeno ci possono provare. Anche esperti di calcio come Marcello Lippi, loro malgrado, hanno riconosciuto la necessità di una rivoluzione nel mondo del calcio, ma non certo così. Di fatto, questa mini-crisi ha mostrato i limiti delle società grosse (spesso troppo prese dall'idea di gonfiarsi a sproposito, nelle ambizioni e nella forma, poco nella sostanza) ma anche di quelle piccole, con ambizioni spesso assurde a confronto delle realtà gestite in modo semi-amatoriale, e come se il pallone fosse la lattina di coca-cola che prendevamo a calci da piccoli sognando di essere Ronaldo. Il calcio del popolo a cui si son appellati in molti, scandalizzati, probabilmente nemmeno esiste nè è mai esistito: è solo utopia e voglia di fare i bastian contrari, di fatto, per quanto molti fossero sinceramente preoccupati della possibilità di un calcio elitario (Come se quello moderno fosse un calcio non-elitario, ma vabbè: discorso troppo complesso e dalle numerose sfumature, alla fine). Di fatto, possiamo scommettere (e ci vorrebbero quasi delle quote a farne da testimone, paradossalmente) sul fatto che il mondo del calcio è destinato a cambiare profondamente: nell'approccio, nella testa di chi ci lavora 24 ore al giorno, nella testa dei tifosi spesso preda di strumentalizzazioni becere, di una stampa sempre più "serva del padrone" e acritica, di anche un dirigente sportivo medio che troppo si compiace di ciò che dice, o di aver risposto per le rime all'insinuazione di un collega importante, e sempre meno avvezzi al senso pratico. Non bisognerebbe mai dimenticare, del resto, che per quanto la cosa sia poco romantica, ogni squadra di calcio è un'azienda che deve avere un utile e fatturare per poter sopravvivere: e allora, a quel punto, se non vogliamo da appassionati di calcio che possa davvero finire tutto, un giorno, dovremmo imparare ad elasticizzare il nostro pensiero. Photo by Sven Kucinic on Unsplash

Post popolari in questo blog

Lowryder, la storia della più famosa varietà di cannabis autofiorente

  Da diversi anni a questa parte, l’interesse nei confronti della cannabis è aumentato notevolmente. Ogni giorno tantissime persone scelgono di iniziare a coltivarla per hobby. Quando ci si avvicina a questo mondo, è necessario ricordare l’esistenza di diverse tipologie di sementi. Tra i semi di cannabis più famosi e apprezzati troviamo gli autofiorenti. La loro caratteristica principale risiede nel non essere fotoperiodici. Ciò vuol dire che crescono sulla base non della luce, ma dell’età delle piante. Queste ultime, generalmente, raggiungono altezze non eccessive, il che è vantaggioso soprattutto quando si ha a che fare con spazi piccoli e si ha voglia di mantenere la massima discrezione. La storia dei semi autofiorenti è iniziata negli anni ‘70 e ha visto il culmine all’inizio del terzo millennio. Raccontarla vuol dire chiamare in causa una varietà su tutte: la Lowryder. Seguici nelle prossime righe per scoprire tutte le informazioni che la riguardano! Quando è nata e

Come arredare casa risparmiando

Quando arriva il momento di arredare casa , a prescindere che lo si faccia da zero o che si proceda a seguito di una ristrutturazione, sono diversi gli aspetti ai quali fare attenzione. Uno dei più importanti riguarda il risparmio. Al giorno d’oggi, in un momento all’insegna della crisi economica, è essenziale tenere conto del portafoglio. Se vuoi sapere come non farlo soffrire e, nel contempo, esaltare al massimo l’estetica della tua abitazione, prosegui nella lettura di questo articolo. I bonus fiscali Chiunque si trovi davanti alla necessità d i arredare casa non può non informarsi sui bonus fiscali in vigore, che permettono di detrarre dal reddito imponibile, nell’arco di dieci anni, una determinata percentuale di spesa. Per quest’anno, è possibile richiedere il beneficio fiscale per mobili e grandi elettrodomestici acquistati per immobili oggetto di lavori di ristrutturazione. La detrazione va calcolata, per l’anno in corso, su un ammontare massimo di 8000 euro (il

Olio di CBD: cos’è, come si usa, benefici, effetti collaterali

  L’ olio di CBD è un prodotto che, negli ultimi anni, è stato interessato da una vera e propria esplosione delle vendite. Soprattutto dal 2020 ad oggi, quando la pandemia ha messo tutti davanti alla necessità di affrontare un livello di malessere mai visto prima e di trovare nuovi metodi, possibilmente naturali, per rilassarsi, la sua popolarità è salita alle stelle. Aziende come Maria CBD Oil hanno visto i loro fatturati impennare. La possibilità di procedere agli acquisti online ha reso tutto ancora più interessante: prima le restrizioni sociali e poi la comodità, hanno spinto tantissime persone a prendere letteralmente d’assalto gli e-shop che vendono olio di cannabidiolo. Di cosa si tratta? Quali sono i benefici e gli effetti collaterali di questo prodotto? Come si usa? Nelle prossime righe, vediamo assieme le risposte a queste domande. Cos’è l’olio di CBD? L’ olio di CBD è un prodotto naturale che vede il cannabidiolo , il fitocannabinoide più famoso dopo il THC, di

Come sfruttare i social media per promuovere il tuo centro estetico?

Negli ultimi anni, i social media si sono affermati come uno strumento fondamentale per la promozione delle attività commerciali, in particolare per quelle a carattere locale come i centri estetici. Utilizzare i social media per promuovere il tuo centro estetico ti permette di raggiungere un pubblico più vasto e di aumentare la visibilità della tua attività. Ecco alcuni consigli pratici su come sfruttare al meglio i social media per promuovere il tuo centro estetico. Identifica il tuo pubblico di riferimento Prima di iniziare a utilizzare i social media per promuovere il tuo centro estetico, è importante identificare il tuo pubblico di riferimento. Chi sono i tuoi clienti ideali? Quali sono le loro caratteristiche demografiche e i loro interessi? Identificare il tuo pubblico ti permette di creare contenuti più mirati e di raggiungere persone che sono più propense ad essere interessate ai tuoi servizi. Scegli i canali giusti Non tutti i social network sono uguali, e non tutti