Passa ai contenuti principali

Secondo uno studio recente, le persone ossessionate dai VIP sono meno intelligenti


 

Una recente ricerca in ambito scientifico avrebbe scoperto che coloro che sono ossessionati dai pettegolezzi di Hollywood, dal gossip in generale e dalle celebrità non sono molto intelligenti, il che probabilmente sconvolgerà coloro che amano leggere i tabloid e guardare i reality. Si tratta di una correlazione significativa, che pero' in genere non implica causalità (quindi non è detto che le cose stiano così nel 100% dei casi). 

Secondo lo studio, pubblicato su BMC Psychology alla fine dello scorso anno, "esiste una chiara correlazione tra il culto delle celebrità e prestazioni più scarse nei test cognitivi", valutando queste ultime sia in termini di lettura che di capacità matematiche. Il test ha riguardato 1763 ungheresi che hanno prima completato un sondaggio sul loro grado di interessamento per le celebrità, e poi hanno effettuato dei test cognitivi specifici. È stata così stilata una Celebrity Attitude Scale, in cui era presente una domanda del tipo "Se incontrassi la mia celebrità preferita e lui/lei mi chiedesse di fare qualcosa di illegale a titolo di favore, probabilmente la farei", domanda a cui alcuni hanno risposto di sì. 

 Resta il dubbio se l'effettiva mancanza di capacità cognitiva, leggasi essere meno intelligenti, sia una causa oppure un effetto dell'idolatrare le persone famose, aspetto sul quale secondo i ricercatori (ovviamente cauti su ogni aspetto della questione) rimangono fortemente in dubbio, richiedendo ulteriori studi per chiarirlo. Cosa che forse, a questo punto, non sarà mai possibile verificare sul serio. 

Post popolari in questo blog

Huli jing: curiosità sullo spirito delle volpi nella cultura cinese

  Che siate pratici o meno della cultura asiatica, saprete che classicamente attribuiscono un forte valore mitologico e in alcuni casi religioso a spiriti di vario genere, molti dei quali hanno fattezze animali. Tra gli spiriti più famosi della cultura giapponese, divenuta popolare anche in occidente grazie a manga e anime, troviamo senza dubbio le Kitsune, spiriti di norma femminili dalle fattezze che ricordano le volpi. Ma la cultura giapponese non è l'unica che accenna a spiriti di questo genere: troviamo infatti un corrispettivo chiamato kumiho nella cultura coreana ed un parente estremamente simile chiamato huli jing o jiuweihu nella cultura cinese. La volpe a nove code La creatura mitologica che oggi conosciamo principalmente con il nome di Kitsune ha con tutta probabilità origine dalla cultura cinese, piuttosto che da quella giapponese, con il nome di huli jing. In particolare è nota la jiuweihu, la volpe a nove code, della quale si hanno testimonianze già nell'antichi

video di gattini: prova a non ridere!

Edward Norton e Brad Pitt, oggi