Passa ai contenuti principali

Tarocchi e amore: un legame indissolubile secondo Carl Gustav Jung

 

Tarocchi, che passione! Fin troppo facile, forse, liquidarne ogni aspetto e considerarli alla stregua di credenze popolari. Se continuano ad essere letti, consultati e documentati deve sicuramente esserci un qualche interesse di fondo, che persevera fin dalla notte dei tempi (molto probabilmente almeno dalla metà dell'anno 1200). 

Del resto, anche uno psicologo e psichiatra importante per lo sviluppo del pensiero moderno come Carl Gustav Jung arrivò a riconoscere nei tarocchi una forma interessantissima di ciò che veniva da lui chiamato "inconscio collettivo". Tarocchi e fortuna. Tarocchi e il nostro futuro, così difficile da preventivare. Tarocchi e i nostri desideri. Tarocchi e vita lavorativa. Naturalmente, anche tarocchi e amore, soprattutto nei tempi distanzianti (e ancora anomali, pieni di vincoli su quello che possiamo fare e su chi possiamo o meno incontrare, inclusi i nostri cari) che siamo costretti a vivere.

Il che significa: i tarocchi potrebbero, a questo punto, esprimere il nostro modo di pensare "interiorizzato", sepolto, interno, per dirla in modo più semplice quello che nel nostro profondo pensiamo tutti, in molti casi senza nemmeno dirlo apertamente, senza nemmeno accorgerci che lo facciamo, e che è il più delle volte in grado di esprimere i nostri desideri più reconditi, segreti, inconfessabili. Un viaggio tra i nostri tabù, se vogliamo, e tra le mille proibizioni in cui siamo sospinti in quest'epoca moderna, che ci condiziona tutti e che grazie a tarocchi potremmo, in qualche modo, essere in grado quantomeno di rilevare meglio.

78 carte con affascinanti simboli rappresentati su di essi, molti dei quali sono considerati i cosiddetti "arcani maggiori". Dai nomi altisonanti ed in grado di evocare le più diverse suggestioni: la Papessa, l'Eremità, la Ruota, l'Appeso, il Mondo, il Giudizio e  - non poteva mancare, ci verrebbe da scrivere - il Matto. Si tratta dei tarocchi, le carte con cui i cartomanti sono a volte in grado di "leggere" nelle nostre vite, in effetti, sono qualcosa in più di un semplice "tirare ad indovinare", come molti scettici tendono a sostenere da tempo. I tarocchi potrebbero, semmai, essere in grado di contenere ed elaborare simboli che abbiamo assimilato al nostro inconscio, il che significa che rendono la cosa un tratto comune per tutti gli esseri umani (inclusi gli scettici, a questo punto). E come avverrebbe questo condizionamento? È subito detto: secondo modalità che i più tendono a ricondurre al cosiddetto "pensiero magico". Una bellissima frase che riassume questo concetto, secondo lo stesso Jung, è quella secondo cui i tarocchi rappresentano una specie di deposito di tutte le esperienze umane, fin dall’inizio dei tempi.

Le origini dei tarocchi, del resto, rimangono confinate ad un ambito misterioso e mai chiarito del tutto dagli storici: secondo la maggiorparte delle fonti, infatti, sarebbero state portate in Europa per la prima volta da Marco Polo, per quanto poi la loro effettiva origine si faccia risalire e si intrecci, tra mille contaminazioni differenti, all'uso delle carte napoletane (coi loro noti semi bastoni, spade, coppe e denari). Nulla di cui non si sia approfonditamente discusso in passato, ovviamente, e che continua ad esercitare il proprio fascino sulla mente di molti di noi. Neanche a dirlo, a volte senza che ce ne accorgiamo, in modo inconscio, effettivamente, dando ragione a quell'osservazione fatta da Jung più di 70 anni fa.


Post popolari in questo blog

Huli jing: curiosità sullo spirito delle volpi nella cultura cinese

  Che siate pratici o meno della cultura asiatica, saprete che classicamente attribuiscono un forte valore mitologico e in alcuni casi religioso a spiriti di vario genere, molti dei quali hanno fattezze animali. Tra gli spiriti più famosi della cultura giapponese, divenuta popolare anche in occidente grazie a manga e anime, troviamo senza dubbio le Kitsune, spiriti di norma femminili dalle fattezze che ricordano le volpi. Ma la cultura giapponese non è l'unica che accenna a spiriti di questo genere: troviamo infatti un corrispettivo chiamato kumiho nella cultura coreana ed un parente estremamente simile chiamato huli jing o jiuweihu nella cultura cinese. La volpe a nove code La creatura mitologica che oggi conosciamo principalmente con il nome di Kitsune ha con tutta probabilità origine dalla cultura cinese, piuttosto che da quella giapponese, con il nome di huli jing. In particolare è nota la jiuweihu, la volpe a nove code, della quale si hanno testimonianze già nell'antichi

L'importanza del DPI per contrastare la diffusione del virus

La diffusione del virus ha creato un certo scompenso nella vita dei cittadini, un disagio che non sempre viene affrontato nel modo giusto. Il lockdown, infatti, ha esercitato vari effetti sulla popolazione, sia dal punto di vista sanitario che economico. Lavoratori fermi a casa, in smart working, e ospedali e reparti pieni sono i risvolti più positivi di questa situazione. Purtroppo, c'è chi il lavoro lo ha perso e in alcuni casi, ha perso molto di più. Alcune semplici regole dettate dal Ministero della Salute hanno, però, ci consentono di contribuire nel nostro piccolo a ridurre i contagi, e aiutare il personale specializzato a gestire l'emergenza. Oggi, un nuovo oggetto è entrato a far parte della nostra quotidianità, che dobbiamo avere sempre e obbligatoriamente: la mascherina, ovvero un DPI – dispositivo di protezione individuale – per contribuire a ridurre la diffusione del Covid-19. Perchè è importante contrastare il Coronavirus? Video e immagini, documenti e testimon

Il pendolo chimico di Briggs-Rauscher

 Dal giallo al blu scuro in pochissimi istanti. Guardare per credere!  

Edward Norton e Brad Pitt, oggi