Passa ai contenuti principali

Lowryder, la storia della più famosa varietà di cannabis autofiorente


 

Da diversi anni a questa parte, l’interesse nei confronti della cannabis è aumentato notevolmente. Ogni giorno tantissime persone scelgono di iniziare a coltivarla per hobby. Quando ci si avvicina a questo mondo, è necessario ricordare l’esistenza di diverse tipologie di sementi.

Tra i semi di cannabis più famosi e apprezzati troviamo gli autofiorenti. La loro caratteristica principale risiede nel non essere fotoperiodici. Ciò vuol dire che crescono sulla base non della luce, ma dell’età delle piante. Queste ultime, generalmente, raggiungono altezze non eccessive, il che è vantaggioso soprattutto quando si ha a che fare con spazi piccoli e si ha voglia di mantenere la massima discrezione.

La storia dei semi autofiorenti è iniziata negli anni ‘70 e ha visto il culmine all’inizio del terzo millennio. Raccontarla vuol dire chiamare in causa una varietà su tutte: la Lowryder. Seguici nelle prossime righe per scoprire tutte le informazioni che la riguardano!

Quando è nata e da dove deriva il suo nome

La Lowryder è nata grazie all’iniziativa di Joint Doctor, breeder considerato ancora oggi il padre della cannabis autofiorente. Quando si chiama in causa questa varietà, è interessante parlare anche dell’origine del suo nome. Da cosa deriva? Da quello di una rivista di automobilismo, la preferita del breeder canadese.

I ceppi coinvolti

La varietà di cannabis autofiorente Lowryder è il risultato dell’unione fra tre diversi ceppi. Si tratta di preciso della cannabis Northern Lights 2 e della Mexican Ruddy. Secondo i breeder più esperti, a fare davvero la differenza è stata l’aggiunta a questo ibrido della varietà Williams’s Wonder.

Una caratteristica importante della Lowryder riguarda la presenza di cannabis ruderalis. Gli studi scientifici e gli esperimenti dei breeder su questa varietà sono alla base dell’epopea delle autofiorenti. Perché è importante? Per un motivo molto semplice: si tratta di una varietà di cannabis di origine siberiana che, nel corso degli anni, si è dimostrata in grado di resistere alle temperature rigide tipiche dell’appena citata zona del mondo.

Queste caratteristiche sono alcune fra le più importanti peculiarità che differenziano le piante di cannabis autofiorenti rispetto a quelle nate da semi fotoperiodici.

Per capire meglio l’unicità della Lowryder, è importante soffermarsi sulle caratteristiche delle varietà che compongono l’ibrido. La già citata Northern Lights 2 è stata per diversi anni un punto di riferimento per la concretizzazione di incroci finalizzati a dare vita a ibridi di grande potenza.

Cosa dire, invece, della Mexican Buddy? Che si tratta di un regalo che Joint Doctor ricevette da un suo amico originario del Messico. Ancora oggi avvolta da un alone di mistero, questa varietà di cannabis ha peculiarità genetiche che, nonostante i grandi passi fatti dalla tecnologia, non sono ancora noti.

Su di esse, si rincorrono diverse teorie. Una delle più accreditate chiama in causa la già citata ruderalis, che sarebbe stata incrociata con una varietà di origine messicana all’inizio degli anni ‘70, decennio d’oro per i breeder.

Un doveroso cenno deve essere dedicato anche alla genetica William’s Warner. In questo caso, abbiamo a che fare con il risultato di un mix tra diverse varietà di cannabis originarie dell’Afghanistan.

Pure in questo frangente tutto è iniziato negli anni ‘70 per opera di un altro nome illustre del mondo della cannabis, ossia Sam the Skunkman.

La Lowryder 2

Per amor di precisione, è il caso di ricordare che la situazione per le autofiorenti è arrivata alla vera svolta con la Lowryder 2, varietà che si contraddistingue non solo per la rapidità di crescita, ma anche per una resa produttiva superiore rispetto a quella della storica e ancora oggi famosissima Lowryder.

Per quanto riguarda i consigli di coltivazione, ricordiamo che molti breeder raccomandano di procedere in contesti indoor o in growroom.

Post popolari in questo blog

Migliori siti per giocare a poker online e trucchi validi

  Poker e web è sempre stato un legame molto solido e indissolubile: ci sono decine di statistiche ufficiali (a partire da Google Trends ) a dimostrarlo, e di fatto non c'è dubbio che la popolarità del poker sia crescente. Questo è avvenuto nel nostro paese, dati alla mano, fin dai tempi in cui videogame per il browser come la saga di Governor of Poker , Zynga Poker e Pokerstars i quali hanno finito per incrementare l' hype sul tema. Da tempo gli appassionati di questo gioco - considerato un vero e proprio sport in molti paesi mondiali -  sono alla ricerca dei migliori siti a tema,  per poter giocare online - e provare l'ebbrezza di farlo anche senza muoversi dalla propria casa: semplicemente avendo con un computer connesso a internet . Senza dimenticare che, per quello che riguarda il poker online gratis senza registrazione soldi finti, c'è chi cerca un modo per poter partecipare senza pagare , senza dover spendere un euro e poter giocare a poker online gratis . I

Tarocchi e amore: un legame indissolubile secondo Carl Gustav Jung

  Tarocchi, che passione! Fin troppo facile, forse, liquidarne ogni aspetto e considerarli alla stregua di credenze popolari. Se continuano ad essere letti, consultati e documentati deve sicuramente esserci un qualche interesse di fondo, che persevera fin dalla notte dei tempi (molto probabilmente almeno dalla metà dell'anno 1200).  Del resto, anche uno psicologo e psichiatra importante per lo sviluppo del pensiero moderno come Carl Gustav Jung arrivò a riconoscere nei tarocchi una forma interessantissima di ciò che veniva da lui chiamato " inconscio collettivo ". Tarocchi e fortuna. Tarocchi e il nostro futuro, così difficile da preventivare. Tarocchi e i nostri desideri. Tarocchi e vita lavorativa. Naturalmente, anche tarocchi e amore , soprattutto nei tempi distanzianti (e ancora anomali, pieni di vincoli su quello che possiamo fare e su chi possiamo o meno incontrare, inclusi i nostri cari) che siamo costretti a vivere. Il che significa: i tarocchi pot