Passa ai contenuti principali

Lowryder, la storia della più famosa varietà di cannabis autofiorente


 

Da diversi anni a questa parte, l’interesse nei confronti della cannabis è aumentato notevolmente. Ogni giorno tantissime persone scelgono di iniziare a coltivarla per hobby. Quando ci si avvicina a questo mondo, è necessario ricordare l’esistenza di diverse tipologie di sementi.

Tra i semi di cannabis più famosi e apprezzati troviamo gli autofiorenti. La loro caratteristica principale risiede nel non essere fotoperiodici. Ciò vuol dire che crescono sulla base non della luce, ma dell’età delle piante. Queste ultime, generalmente, raggiungono altezze non eccessive, il che è vantaggioso soprattutto quando si ha a che fare con spazi piccoli e si ha voglia di mantenere la massima discrezione.

La storia dei semi autofiorenti è iniziata negli anni ‘70 e ha visto il culmine all’inizio del terzo millennio. Raccontarla vuol dire chiamare in causa una varietà su tutte: la Lowryder. Seguici nelle prossime righe per scoprire tutte le informazioni che la riguardano!

Quando è nata e da dove deriva il suo nome

La Lowryder è nata grazie all’iniziativa di Joint Doctor, breeder considerato ancora oggi il padre della cannabis autofiorente. Quando si chiama in causa questa varietà, è interessante parlare anche dell’origine del suo nome. Da cosa deriva? Da quello di una rivista di automobilismo, la preferita del breeder canadese.

I ceppi coinvolti

La varietà di cannabis autofiorente Lowryder è il risultato dell’unione fra tre diversi ceppi. Si tratta di preciso della cannabis Northern Lights 2 e della Mexican Ruddy. Secondo i breeder più esperti, a fare davvero la differenza è stata l’aggiunta a questo ibrido della varietà Williams’s Wonder.

Una caratteristica importante della Lowryder riguarda la presenza di cannabis ruderalis. Gli studi scientifici e gli esperimenti dei breeder su questa varietà sono alla base dell’epopea delle autofiorenti. Perché è importante? Per un motivo molto semplice: si tratta di una varietà di cannabis di origine siberiana che, nel corso degli anni, si è dimostrata in grado di resistere alle temperature rigide tipiche dell’appena citata zona del mondo.

Queste caratteristiche sono alcune fra le più importanti peculiarità che differenziano le piante di cannabis autofiorenti rispetto a quelle nate da semi fotoperiodici.

Per capire meglio l’unicità della Lowryder, è importante soffermarsi sulle caratteristiche delle varietà che compongono l’ibrido. La già citata Northern Lights 2 è stata per diversi anni un punto di riferimento per la concretizzazione di incroci finalizzati a dare vita a ibridi di grande potenza.

Cosa dire, invece, della Mexican Buddy? Che si tratta di un regalo che Joint Doctor ricevette da un suo amico originario del Messico. Ancora oggi avvolta da un alone di mistero, questa varietà di cannabis ha peculiarità genetiche che, nonostante i grandi passi fatti dalla tecnologia, non sono ancora noti.

Su di esse, si rincorrono diverse teorie. Una delle più accreditate chiama in causa la già citata ruderalis, che sarebbe stata incrociata con una varietà di origine messicana all’inizio degli anni ‘70, decennio d’oro per i breeder.

Un doveroso cenno deve essere dedicato anche alla genetica William’s Warner. In questo caso, abbiamo a che fare con il risultato di un mix tra diverse varietà di cannabis originarie dell’Afghanistan.

Pure in questo frangente tutto è iniziato negli anni ‘70 per opera di un altro nome illustre del mondo della cannabis, ossia Sam the Skunkman.

La Lowryder 2

Per amor di precisione, è il caso di ricordare che la situazione per le autofiorenti è arrivata alla vera svolta con la Lowryder 2, varietà che si contraddistingue non solo per la rapidità di crescita, ma anche per una resa produttiva superiore rispetto a quella della storica e ancora oggi famosissima Lowryder.

Per quanto riguarda i consigli di coltivazione, ricordiamo che molti breeder raccomandano di procedere in contesti indoor o in growroom.

Post popolari in questo blog

Come arredare casa risparmiando

Quando arriva il momento di arredare casa , a prescindere che lo si faccia da zero o che si proceda a seguito di una ristrutturazione, sono diversi gli aspetti ai quali fare attenzione. Uno dei più importanti riguarda il risparmio. Al giorno d’oggi, in un momento all’insegna della crisi economica, è essenziale tenere conto del portafoglio. Se vuoi sapere come non farlo soffrire e, nel contempo, esaltare al massimo l’estetica della tua abitazione, prosegui nella lettura di questo articolo. I bonus fiscali Chiunque si trovi davanti alla necessità d i arredare casa non può non informarsi sui bonus fiscali in vigore, che permettono di detrarre dal reddito imponibile, nell’arco di dieci anni, una determinata percentuale di spesa. Per quest’anno, è possibile richiedere il beneficio fiscale per mobili e grandi elettrodomestici acquistati per immobili oggetto di lavori di ristrutturazione. La detrazione va calcolata, per l’anno in corso, su un ammontare massimo di 8000 euro (il

Olio di CBD: cos’è, come si usa, benefici, effetti collaterali

  L’ olio di CBD è un prodotto che, negli ultimi anni, è stato interessato da una vera e propria esplosione delle vendite. Soprattutto dal 2020 ad oggi, quando la pandemia ha messo tutti davanti alla necessità di affrontare un livello di malessere mai visto prima e di trovare nuovi metodi, possibilmente naturali, per rilassarsi, la sua popolarità è salita alle stelle. Aziende come Maria CBD Oil hanno visto i loro fatturati impennare. La possibilità di procedere agli acquisti online ha reso tutto ancora più interessante: prima le restrizioni sociali e poi la comodità, hanno spinto tantissime persone a prendere letteralmente d’assalto gli e-shop che vendono olio di cannabidiolo. Di cosa si tratta? Quali sono i benefici e gli effetti collaterali di questo prodotto? Come si usa? Nelle prossime righe, vediamo assieme le risposte a queste domande. Cos’è l’olio di CBD? L’ olio di CBD è un prodotto naturale che vede il cannabidiolo , il fitocannabinoide più famoso dopo il THC, di

Come sfruttare i social media per promuovere il tuo centro estetico?

Negli ultimi anni, i social media si sono affermati come uno strumento fondamentale per la promozione delle attività commerciali, in particolare per quelle a carattere locale come i centri estetici. Utilizzare i social media per promuovere il tuo centro estetico ti permette di raggiungere un pubblico più vasto e di aumentare la visibilità della tua attività. Ecco alcuni consigli pratici su come sfruttare al meglio i social media per promuovere il tuo centro estetico. Identifica il tuo pubblico di riferimento Prima di iniziare a utilizzare i social media per promuovere il tuo centro estetico, è importante identificare il tuo pubblico di riferimento. Chi sono i tuoi clienti ideali? Quali sono le loro caratteristiche demografiche e i loro interessi? Identificare il tuo pubblico ti permette di creare contenuti più mirati e di raggiungere persone che sono più propense ad essere interessate ai tuoi servizi. Scegli i canali giusti Non tutti i social network sono uguali, e non tutti