Passa ai contenuti principali

4 curiosità imperdibili sul mondo del Giappone

Da tempo il Giappone è uno dei paesi più citati nelle opere letterarie oltre che nella cultura popolare: si tratta di una meta molto ambita anche dai turisti, in effetti, E sicuramente a ragione data la grande varietà di attrazioni e di eventi culturali che è possibile apprezzare al suo interno. 

Tra le tante cose interessanti che possiamo individuare in questo paese - che occupa una superficie di poco meno di 378.000 km quadrati, contando oltre 125 milioni di abitanti (stima del 2021) - ne abbiamo individuato cinque diverse che siamo abbastanza sicuri che vi potranno piacere.

Onsen, il bagno termale giapponese

Once and indica letteralmente l'acqua termale, ed è tipicamente caratterizzato da un paesaggio naturale come quello che possiamo apprezzare nella foto qui sopra. Gli onsen sono estremamente popolari in Giappone, e vengono sfruttati sia per scopi terapeutici che per il semplice (e spesso sottovalutato) relax. Ci sono vari tipi di onsen, tra cui ad esempio quelli alimentati da acque sulfuree, solfato-calciche e salso-magnesiache e i cosiddetti "rotenburo" (vedi qui, ad esempio, per altre informazioni).

By Chris 73 / Wikimedia Commons, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=13985

La cucina giapponese: sushi, ramen, tempura

Riso, noodle o frittura? Sushi, ramen e tempura sono piatti tradizionali giapponesi tra i più noti e citati nella cultura popolare, dai film fino alle serie TV, ma sono effettivamente diversi l'uno dall'altro. Il sushi è un piatto della cucina tradizionale giapponese costituito da riso, che viene poi condito con aceto di riso, zucchero e sale, accompagnato da pesce crudo, frutti di mare, uova, avocado, verdure di vario genere. Il sushi viene tipicamente servito accompagnato da salsa wasabi, soia e/o alga nori. 

Il ramen, invece, è un piatto a base di noodle caldo in brodo di carne o pesce, accompagnato da verdure, cipolle, carne o uova. Si tratta di un piatto originario del Nord della Cina, in effetti, ma ad oggi esistono molte varietà di questa pietanza in Giappone, ciascuna con un proprio brodo e condimenti unici nel loro genere. Infine la tempura è un tipo di frittura in pastella leggera, costituito da pesce, verdure e/o gamberi. Anche qui abbiamo un piatto cinese e/o portoghese che è diventato popolare in Giappone già nel Sedicesimo secolo, adattandosi alle tradizioni locali.

Le arti marziali giapponesi: kendo, karate e judo

Tanta confusione indotta dalla cultura pop, in questo caso, oltre che da film molto popolari estremamente fuorvianti (per non dire peggio). Diciamo poi che kendo, judo e karate sono riconducibili ad origini e stili molto diversi tra di loro: il kendo, ad esempio, è un'arte marziale del Giappone basata sull'uso della spada di bambù chiamata "shinai", e sull'uso di appositi, caratteristic proteggi-testa e proteggi-mani chiamati "men" e "kote" . Il Kendo si concentra sullo sviluppo della forza mentale, della disciplina e dell'onore attraverso l'allenamento e le varie competizioni, ed è noto storicamente come "l'arte della spada".

Il Karate è un'arte marziale giapponese basata sull'uso delle mani e dei piedi al fine di provare a colpire e bloccare l'avversario. Esso si concentra sullo sviluppo della forza fisica, dell'agilità e della flessibilità mediante uno specifico allenamento e, anche qui, varie forme di competizione. Il judo, infine, è un'arte marziale basata sull'uso delle leve e del sapere attutire le cadute al fine di controllare e avere la meglio sul proprio opponente. Si tratta anche qui di uno sport basato sul raggiungimento e lo sviluppo di una considerevole forza mentale, mediante rigore fisico e formale. Il nome judo significa, letteralmente, "la via della flessibilità".

La cultura dei fiori

 In questo caso la parola chiave è ikebana: una parola molto antica che significa letteralmente "composizione floreale". Si tratta di una forma di arte decorativa che fa uso di fiori e piante, al fine creare composizioni esteticamente piacevoli e armoniose. L'ikebana possiede origini antichissime ed è una delle cose più affascinanti che caratterizzano la cultura e tradizione giapponese: e si è sviluppata come forma di vero e proprio culto, dove i fiori venivano utilizzati per rappresentare il divino. Con il tempo, l'ikebana è diventata un'arte anche un po più formale, e si è evoluta in diverse scuole e stili, ognuno con le proprie regole e tecniche. Per approfondir,e puoi leggere questo articolo di Volcanohub.

 

 

Post popolari in questo blog

Lowryder, la storia della più famosa varietà di cannabis autofiorente

  Da diversi anni a questa parte, l’interesse nei confronti della cannabis è aumentato notevolmente. Ogni giorno tantissime persone scelgono di iniziare a coltivarla per hobby. Quando ci si avvicina a questo mondo, è necessario ricordare l’esistenza di diverse tipologie di sementi. Tra i semi di cannabis più famosi e apprezzati troviamo gli autofiorenti. La loro caratteristica principale risiede nel non essere fotoperiodici. Ciò vuol dire che crescono sulla base non della luce, ma dell’età delle piante. Queste ultime, generalmente, raggiungono altezze non eccessive, il che è vantaggioso soprattutto quando si ha a che fare con spazi piccoli e si ha voglia di mantenere la massima discrezione. La storia dei semi autofiorenti è iniziata negli anni ‘70 e ha visto il culmine all’inizio del terzo millennio. Raccontarla vuol dire chiamare in causa una varietà su tutte: la Lowryder. Seguici nelle prossime righe per scoprire tutte le informazioni che la riguardano! Quando è nata e

Come fare un unicorno origami

Purtroppo, non esiste un modello di origami specifico per riprodurre l'unicorno di "Blade Runner", poiché l'origami è un'arte che si basa su schemi e design preesistenti o creati da artisti. Tuttavia, puoi cercare di creare un modello di unicorno in stile "Blade Runner" utilizzando un design di origami base e personalizzandolo secondo il tuo gusto.  Ecco una guida generale su come creare un unicorno di origami: Materiali necessari: Una quadrato di carta, preferibilmente di colore bianco o nero Matita (facoltativa) Penna o pennarello per i dettagli (facoltativo) Passi: Preparazione: Inizia con un quadrato di carta. Se hai una carta rettangolare, piegala in modo da ottenere un quadrato tagliando o piegando l'eccesso di carta. Base: Piega il quadrato di carta a metà lungo la diagonale per ottenere un triangolo. Apri il triangolo e piega la carta a metà lungo l'altra diagonale per ottenere un altro triangolo. Apri il secondo triangolo e piega la cart

Ricambi Pit Bike

 Le pit bike, con il loro stile unico e la versatilità nel fuoristrada e nelle competizioni, stanno guadagnando sempre più popolarità tra gli appassionati di moto. Tuttavia, come qualsiasi veicolo, richiedono una manutenzione adeguata per mantenere alte prestazioni e garantire la sicurezza del pilota. Esploreremo l'importanza dei ricambi pit bike e daremo preziosi consigli su come selezionare i migliori componenti per la propria moto. Preparati a esplorare il mondo dei ricambi per pit bike e a rendere la tua esperienza di guida ancora più emozionante e sicura. Importanza dei ricambi di qualità per le pit bike Quando si tratta di pit bike, la qualità dei ricambi utilizzati riveste un ruolo fondamentale: sono motociclette robuste e potenti progettate per affrontare terreni accidentati e situazioni impegnative. E’ quindi essenziale garantire che i ricambi utilizzati siano affidabili e di alta qualità. Ecco perché l'importanza dei ricambi di qualità per le pit bike non può es

Come arredare casa risparmiando

Quando arriva il momento di arredare casa , a prescindere che lo si faccia da zero o che si proceda a seguito di una ristrutturazione, sono diversi gli aspetti ai quali fare attenzione. Uno dei più importanti riguarda il risparmio. Al giorno d’oggi, in un momento all’insegna della crisi economica, è essenziale tenere conto del portafoglio. Se vuoi sapere come non farlo soffrire e, nel contempo, esaltare al massimo l’estetica della tua abitazione, prosegui nella lettura di questo articolo. I bonus fiscali Chiunque si trovi davanti alla necessità d i arredare casa non può non informarsi sui bonus fiscali in vigore, che permettono di detrarre dal reddito imponibile, nell’arco di dieci anni, una determinata percentuale di spesa. Per quest’anno, è possibile richiedere il beneficio fiscale per mobili e grandi elettrodomestici acquistati per immobili oggetto di lavori di ristrutturazione. La detrazione va calcolata, per l’anno in corso, su un ammontare massimo di 8000 euro (il